Risotto alla zucca gialla con aggiunta golosa

Pubblicato il da afrodite




  


 



E siamo arrivati anche quest'anno al periodo delle zucche... Che meraviglia, se ne vedono di tutti i tipi e di tutte le misure; di tutti i colori, poi... Sono belle, e a me mettono allegria; le adoro anche solo usate come semplice decorazione in un centrotavola, oppure anche come soprammobili in una cucina rustica. Ricordo di aver visto da piccola ,in casa forse di amici dei miei, una di quelle zucche verde chiaro lunga e un po'contorta su se stessa che stava pero' in piedi da sola grazie ad una estremita' un po' arrotondata, utilizzata in modo molto originale come porta-mestoli. A ripensarci credo che fossero stati praticati nel "collo" di questa zucca dei buchi lunghi in cui poi  si potevano infilare dei mestoli di legno per appoggio. L'idea mi sembro' fantastica allora, e ancora oggi ogni volta che si avvicina il periodo delle zucche cerco di trovarne una adatta ad essere sfruttata in quel modo, ma non l'ho ancora trovata. Se quest'anno ci riesco(dopotutto il periodo e' appena cominciato,posso ancora cercare), le faccio le foto e le pubblico.
Comunque, ogni volta che mi metto a scrivere qualcosa divago chissa'dove e chissa' come, e magari voi siete li' che volete leggere la ricetta.
Eccola qua: e, accidenti, anche adesso mi accorgo che DEVO fare una divagazione, o meglio un inciso, per dire che l'aggiunta golosa di cui parlo nel titolo e' stata piu' che altro dettata dalla necessita' di questo periodo di ridurre i tempi, e di cercare quindi di fare un piatto che possa essere primo e secondo insieme; aggiunta suggerita dal mio macellaio di fiducia che mi ha proposto di assaggiare i suoi splendidi wurstel artigianali che , naturalmente, non hanno proprio niente a che vedere con quelli industriali di qualunque marca siano che si trovano in tutti i supermercati.
Quindi il risotto alla zucca e' diventato risotto alla zucca e tocchetti di wurstel artigianali(che, credetemi, si sciolgono davvero in bocca!).
Allora: per tre persone, prendete circa tre etti e mezzo di polpa di zucca gialla, lavatela, tagliatela a tocchetti di 2 o 3 cm di lato(solo per velocizzarne la cottura) e lasciatela stufare coperta per circa mezz'ora in una pentola dove poi potrete fare anche il risotto, con 2 cucchiai di olio e.v. d'oliva, uno scalogno tritato fine e un bicchiere d'acqua.  Quando la zucca sara' ridotta in poltiglia morbida e l'acqua si sara' asciugata, mettete il riso(io uso il carnaroli per i risotti , nella quantita' di una tazzina e mezzo da caffe' per ogni commensale) a tostare nella pentola stessa insieme alla zucca; salate, pepate se vi piace(meglio il pepe bianco), e quando il riso e' tostato aggiungete brodo vegetale caldissimo a coprire a filo e portate a cottura il risotto. Solo all'ultimo, un attimo prima di spegnere il fuoco, aggiungete i tocchettini di wurstel(che in tal modo manterranno tutta la loro fragranza), una bella manciata di prezzemolo tritato, e, una volta tolto dal fuoco, mantecate con una noce di burro e una generosa grattugiata di pecorino ben stagionato. Ho avuto anche la fortuna di essere da poco stata a visitare un caseificio qui nelle nostre campagne, anche abbastanza famoso nel resto d'Italia, dove ho acquistato un ottimo pecorino di fossa, e naturalmente ho usato quello.
    
             



L'ultima divagazione che mi concedo, tanto ormai la ricetta e' scritta, e' per dire che con questo risotto ho quasi vinto la scommessa con mio figlio, il quale non credeva che si potessero fare salse per i primi "di tutti i colori dell'arcobaleno"; siccome il pargolo mostra una certa riluttanza a mangiare seduto a tavola, una sera gli promisi che se fosse stato tranquillo a cena con mamma e papa' gli avrei fatto ogni volta una pasta di colore diverso: e cosi' ha mangiato felice la pasta nera(con le seppie), la pasta verde(con la crema di zucchine e col pesto), la pasta arancione(il risotto con la zucca) , la pasta gialla(con i ceci)...il problema che ho adesso e' che vuole la pasta viola, marrone, azzurra... percio' chiedo aiuto a chiunque avesse suggerimenti da darmi :-) .


             

Commenta il post

Francesca 11/05/2010 23:05


Se ti picciono le tagliatelle fatte in casa ti consiglio se le vuoi marroni di unire alla farina bianca quella di castagne condisci con salsicce e funghi


francesca 11/05/2010 22:45


la pasta marrone si può fare unendo farina bianca e farina di castagne


afrodite 10/23/2009 14:20


Grazie, Stefania. Sai che ho trovato anche una ricetta di risotto cotto nell'acqua di cottura delle barbe rosse? Pare che venga rosa fucsia. Li provero' tutti e due. Grazie ancora e baci. Francesca


Stefania Oliveri 10/22/2009 22:22


Dunque per la pasta viola rossaceo ti suggerisco un risotto con la verza che è meraviglioso. Qui il link: http://saporiesaporifantasie.blogspot.com/2009/05/risotto-con-verza-rossa.html. Spero di
esserti stata utile.