La " mia " insalata 2

Pubblicato il da afrodite

Ovvero SPECK, ANANAS  E RADICCHIO ROSSO  . Questa occupa il secondo posto nella mia hit-parade delle insalate, ed e' nata per caso quando mi sono chiesta se potessi, con un piatto solo, soddisfare il mio gusto per l'affumicato e l'amarognolo , la mia costante voglia di qualcosa di dolce  e, nello stesso tempo mettere a tacere i sensi di colpa per qualche etto di troppo che ormai(data anche l'eta', ahime'), sembra aver preso fissa dimora sui miei fianchi. Allora mi sono detta:INSALATA!!!, che gia' il nome e' una garanzia; quando dici "io mangio solo un'insalata...", poi magari taci sugli ingredienti, ma e' pur sempre un'insalata, e qualunque cosa ci sia dentro, ti senti comunque a dieta. Anche questa superfacile e superveloce e veramente molto gustosa; anche molto bella da  presentare perche'vivacemente colorata . Nell'ultimo ristorante dove ho lavorato aveva un gran successo sia in estate che in inverno. Un unico accorgimento ve lo raccomando: lo speck deve rigorosamente essere di quello buono, e  quello di una nota ditta di San Candido BZ ,in Alto Adige, naturalmente, che ha la certificazione di qualita' IGP, e' il migliore di tutti. Inutile anche dire che questa insalatina, accompagnata dal nostro tipico pane "sciocco" toscano, non rende quanto  la stessa insalata mangiata insieme ad una bella fetta di pane nero del Trentino, e magari con l'aggiunta anche di un paio di cetriolini sott'aceto. Il radicchio rosso che a me piace di piu'crudo e' quello di Castelfranco, per intenderci quello screziato, ma a seconda dei gusti vanno bene anche gli altri due tipi(di Verona e di Treviso, rispettivamente tondo e lungo , il primo un poco meno amaro ed il secondo un poco di piu'). Poi, siccome d'estate i mercati della frutta e verdura sono tristemente vuoti come il resto della citta', stavolta mio malgrado ho dovuto usare quello tondo, che di solito a casa mia finisce in pentola per condire risotti... ma ci ha guadagnato la presentazione del piatto, con quelle belle foglie tonde a far da "lettino" al resto della preparazione. Comunque, per 4 persone, servono: una palla di radicchio di medie dimensioni, mezzo ananas, un etto e mezzo di speck tagliato a fettine dal salumiere, qualche fogliolina di insalatina "lollo" o "gentile"(sia per bellezza che per attenuare il gusto), olio e.v. d'oliva, sale e aceto bianco o, meglio ancora, aceto di mele. Far scaldare a fuoco vivo una padella antiaderente senza aggiunta di grassi, e, nel frattempo,tagiare le fette di speck a listelline di un cm nel senso della  larghezza e l'ananas a cubetti di un cm di lato. Quando la padella e' molto calda, versarvi dentro lo speck e rosolarlo facendolo saltare fino a farlo diventare croccante. A questo punto versare i cubetti di ananas e saltare in padella per altri tre o quattro minuti tutto insieme. Mettere su un piatto e far freddare. Comporre ora l'insalata tagliando(naturalmente dopo averlo lavato) il radicchio a striscioline finissime(al ristorante usavo fare questa operazione alla macchina affettatrice, ed uscivano delle finissime listelle che sembravano quasi capelli, bellissime alla vista e anche comode da servire, perche' si potevano accomodare nel piatto "a nido") ed unendolo alle altre foglie di insalatina. Adagiarlo nel piatto di portata sopra un letto di foglie intere(le piu' belle) e condirlo con poco sale, un filo d'olio e qualche goccia d'aceto di mele sparsa sopra. Versarvi sopra lo speck e l'ananas freddi, mescolare bene e servire subito dopo aver condito.

                                      

                                      

Commenta il post